Autore: ATorre

~ 11/04/12

Nelle passate settimane (fine marzo 2012) i Peer Educators del Liceo Statale Aprosio di Ventimiglia hanno organizzato e condotto tre giornate di corso full immersion con l’obiettivo di reclutare e formare nuovi Peer per il gruppo della loro scuola, a cui man mano lasciare il testimone e l’organizzazione di interventi di educazione tra pari. Le attività proposte ai ragazzi delle II e III hanno permesso di trattare le tematiche della rappresentanza, delle regole per il buon funzionamento di un gruppo, delle abilità di cooperazione e negoziazione e del ruolo dell’educatore tra pari nel proprio ambiente di scolastico ma anche extra-scolastico.

Al termine degli incontri i partecipanti hanno stilato e firmato una carta d’identità con tutte le caratteristiche e i requisiti del buon Peer Educator, che sarà affissa nella bacheca del Liceo.

Complimenti agli organizzatori delle giornate: Lisa, Jessica, Ettore, Simone P., Daniele, Riccardo, Simone M. e Lorenzo.

Autore: ATorre

~ 18/01/12

Sabato 14 gennaio le porte del Liceo Aprosio di Ventimiglia si sono aperte per i ragazzi delle classi terze medie della zona, interessati a conoscere la realtà dell’Istituto, in vista della loro futura scelta scolastica.

All’inizio e durante l’intera giornata, i ragazzi sono stati accolti dal gruppo di Peer Educators, che ha offerto loro momenti di conoscenza degli spazi e delle caratteristiche dell’Istituto, ma soprattutto è stata utile la condivisione di esperienze di vita scolastica da parte di chi è ormai veterano del Liceo.

Da un lato i professori hanno fornito a genitori e famiglie indicazioni fondamentali sull’offerta formativa della scuola e sulle caratteristiche essenziali della didattica, dall’altro i Peer hanno presentato contenuti altrettanto fondamentali sulla vita quotidiana e sulla realtà dell’Istituto.

Il risultato è stato quello di una giornata ricca di stimoli, informazioni, divertimento ed impegno da parte di tutte le persone coinvolte.

Autore: ATorre

~ 12/01/12

Questa mattina, giovedì 12 gennaio, i Peer Educators del Liceo Statale Cassini di Sanremo hanno proposto ai rappresentati di classe, del biennio del loro Istituto, una mattinata di formazione specifica al ruolo di Rappresentante. Tale intervento è stato preparato durante i mesi precedenti dai ragazzi che fanno parte del gruppo Peer, si tratta di una formazione assolutamente innovativa per il nostro territorio, che prevede una parte sui diritti e doveri del rappresentante di classe, una sul concetto di rappresentanza, una sulla comunicazione ed infine una parte sulle strategie di gestione della assemblea di classe. Questa modalità è stata ideata e gestita dai ragazzi Peer in quanto si sono resi conto di quanto fosse importante, sin dai primi anni, far funzionare il sistema di rappresentanza all’interno dell’Istituto, per tutelare al meglio i propri diritti di studenti.

tag per questo articolo: , ,

Autore: ATorre

~ 14/12/11

Questa settimana vi proponiamo un video realizzato dai peer educators di Verbania qualche anno fa, si tratta di uno dei video vincitori del premio consegnato durante il convegno nazionale “Peer & Video Education 2008″. La tematica è la Sessualità – Prevenzione dei comportamenti a rischio.

Per approfondimenti a riguardo vi rimandiamo anche alla sezione del nostro sito NON SOLO SESSO dove troverete un opuscolo contenente le domande più comuni che ragazzi e ragazze hanno posto agli esperti della nostra ASL 1 Imperiese sul tema della sessualità ed affettività. Dall’elaborazione delle informazioni acquisite sono nate le risposte che speriamo possano soddisfare le vostre curiosità.

 

tag per questo articolo: , ,

Autore: ATorre

~ 23/11/11

Nell’attesa di poter pubblicare su Giovanionline i meravigliosi video che l’Associazione Matteo Bolla ha proiettato e premiato all’interno del concorso “Ciak…un’emozione”,  svoltosi lo scorso 13 novembre, vi proponiamo un ottimo video che hanno realizzato i nostri peer del progetto Interreg-Alcotra durante uno dei loro ritrovi di riflessione e lavoro di gruppo.

Questo video nasce dalle riflessioni fate dal gruppo sul tema della cittadinanza e partecipazione attiva e consapevole. Buona visione!

Autore: ATorre

~ 29/09/11

Come vi avevamo anticipato si è tenuta, dal 17 al 21 settembre ad Alba la tanto attesa Summer School del Progetto Interreg Alcotra Peer Education, evento che ha raccolto per alcuni giorni ben 130 peer educators provenienti da differenti realtà e contesti, Imperia, Sanremo e Ventimiglia, Lugano, Verbania, Nizza, Bra ed appunto Alba.

I ragazzi si sono divertiti molto ed hanno lavorato, affiancati da educatori ed esperti, su differenti tematiche quali il mondo del lavoro, la partecipazione attiva, gli stili di vita ed il divertimento, il consumo, ed altre.

I prodotti, video, grafici, teatrali e web li potete già trovare e visionare sul sito W-EER ,ovvero web and peer education, gestito dai nostri colleghi albesi. Uno di questi prodotti grafici è proprio questo be.intelligent ideato e creato dai ragazzi in riposta al “be stupid”, slogan pubblicitario di una nota marca di abbigliamento.

Sullo stesso sito è attivo un forum di discussione, attivato dai ragazzi stessi durante la Summer School, dove è possibile confrontarsi su vari argomenti e temi.

Autore: ATorre

~ 06/09/11

Si terrà dal 17 al 21 di Settembre 2011 ad Alba (CN) la tanto attesa Summer School che vedrà impegnati i ragazzi “peer” della Provincia di Imperia e di Alba, Bra, Nizza (FRA), Verbania e Lugano (CH).

Ecco qua sotto alcuni dati della manifestazione, a cui parteciperanno una ventina di ragazzi provenienti dai gruppi di Educatori tra Pari del Liceo Aprosio di Ventimiglia, Licei Cassini ed Amoretti di Sanremo e dell’Istituto Ruffini di Imperia formati durante gli ultimi due anni scolastici dalla equipe della S.C. di Psicologia della ASL 1 Imperiese mediante l’utilizzo di finanziamenti europei (Interreg-Alcotra).

- SLOGAN
WEB & PEER
Partecipazione ed essere Giovani
per un futuro da protagonisti

– OBIETTIVO
Relazione tra adolescenza e peer education
I giovani protagonisti, elaborazione di: proposte/presentazioni/progetti/idee

TEMI su cui si confronteranno i ragazzi:

  • Lavoro/Futuro
  • Cittadinanza/Partecipazione/Diritti
  • Salute/Stili di vita
  • Stili di vita/Divertimento/Consumo
  • Comunicazione

L’obiettivo è appunto l’elaborazione di proposte e la realizzazione di prodotti grafici, video e teatrali, frutto di questi atelier di approfondimento, da presentare agli altri giovani della città e agli adulti.

E’ stato inoltre organizzato un Convegno Nazionale (martedì 20/09/2011) – in ambito peer education – aperto anche alla cittadinanza locale, dove all’interno di una Tavola Rotonda i Peer Educator potranno confrontarsi con alcune figure significative del mondo adulto ed Autorità locali e nazionali. In questa situazione potranno presentare e discutere le proposte elaborate durante i giorni precedenti.

- EVENTI COLLATERALI
Per le serate: sono previsti, per i ragazzi, l’organizzazione di un grande gioco, djcontest e spettacoli teatrali.

Nell’ambito del suddetto convegno si svolgerà anche la presentazione del bando relativo alla IV edizione del Premio Nazionale Tiziano Terzani per l’Umanizzazione della Medicina. Ulteriori informazioni relative all’evento e alle modalità di partecipazione saranno consultabili da metà settembre sul sito www.premioterzani.it.

Nella foto (cliccabile ed ingrandibile) un articolo locale dedicato all’evento.

Autore: ATorre

~ 12/05/11

Durante tutta la settimana il gruppo di “Educatori tra pari” dell’Istituto Ruffini di Imperia ha effettuato interventi all’interno delle classi prime. Lo scopo era quello di chiudere una serie di incontri, realizzati durante tutto l’anno scolastico, finalizzati a facilitare l’inserimento degli alunni di prima nella nuova realtà scolastica e  favorire un buon clima di classe.

Il gruppo peer si è preparato a questi interventi, formandosi con l’aiuto della equipe del progetto Interreg Alcotra “Peer Education” della ASL 1 Imperiese, durante questo ultimi mesi.

Questo ultimo incontro prevedeva attivazioni e giochi, condotti nelle classi dai soli peer, che riguardavano i ruoli e le dinamiche di gruppo, le regole per stare bene in classe e un gioco finale di saluto. E’ stato, infine, previsto un momento in cui i ragazzi di prima hanno potuto valutare gli interventi ricevuti.

Ad oggi il gruppo peer del Ruffini sta già programmando gli interventi per l’anno prossimo che probabilmente riguarderanno gli stili di vita e l’abuso di alcol nei giovani.

tag per questo articolo: , ,

Autore: ATorre

~ 05/05/11

Il gruppo peer LIBERAMENTE di Taggia ha organizzato il suo primo evento a sfondo sociale e benefico, ecco le coordinate:

QUANDO

Sabato pomeriggio dalle 17.00 alle 19.00 circa

DOVE

Taggia – Centro Aggregativo Giovanile (Ex Caserme Reveli) durante l’Inaugurazione dello Skate Park adiacente al Centro.

COSA

Raccolta di beni di prima necessità (pasta, riso, scatolame vario) e vecchi giochi per bambini.

PERCHE’

Quanto raccolto sarà devoluto alla Associazione “Music for Peace” di Genova i quali stanno raccogliento questi beni per i bisognosi della Striscia di Gaza.

Autore: ATorre

~ 29/04/11

Vi copio qua sotto la versione integrale di una relazione scritta da una ragazza peer di Ventimiglia, a nome di tutto il suo gruppo, sulla esperienza di Peer Education fatta nel suo istituto, il Liceo Aprosio. Non aggiungo altro perchè dice tutto lei, e lo dice anche molto bene…

“La Peer Education è un metodo particolarmente utilizzato sia nella promozione della salute che a livello educativo, attraverso il quale un gruppo di ragazzi opera attivamente per informare ed influenzare i propri pari.
Il gruppo Peer del Liceo Aprosio, del quale noi facciamo parte, è frutto di un progetto Alcotra dell’Unione Europea condotto dall’ASL 1 imperiese in collaborazione con il nostro Istituto, che vede come docente responsabile il prof. Giovanni Perotto.
Nasciamo come gruppo nel Marzo 2010 quando, dopo un paio di incontri, di informazione e reclutamento nelle classi terze, i ragazzi maggiormente interessati si sono trovati ad affrontare un percorso di formazione guidati dal dott. Torre, dalla dott.sa Parodi e dalla dott.sa Martini.
Tre giornate completamente dedicate alle dinamiche di gruppo, grazie alla visione di filmati, giochi propedeutici e riflessioni personali e collettive, ci hanno insegnato l’importanza e la forza del rispetto, del confronto e dello spirito di squadra.
In Aprile, poi, alcuni di noi hanno avuto l’opportunità di vivere in prima persona un’esperienza davvero indimenticabile basata proprio sui principi della Peer Education: grazie ad un progetto Interreg chiamato, infatti, Giovani x les Jeunes, ragazzi italiani, svizzeri e francesi hanno organizzato, durante un soggiorno a Verbania, cortometraggi, spettacoli, campagne informative, per sensibilizzare i loro coetanei nei confronti di tematiche quali la prevenzione, la promozione della salute, la cittadinanza attiva.
Coloro che hanno potuto partecipare a questo evento hanno poi trasportato all’interno del gruppo non solo la propria esperienza ma anche un entusiasmo notevolmente cresciuto che ha coinvolto di conseguenza tutti quanti.
Questo, accompagnato poi da un’attenta analisi oltre che dei nostri bisogni anche di quelli dei nostri pari, ha portato all’elaborazione di un progetto davvero ambizioso: l’organizzazione di giornate alternative gestite dal nostro gruppo su argomenti che, tramite un questionario, gli alunni della scuola hanno valutato come utili e/o interessanti.
Dopo le vacanze estive, a settembre, alcuni di noi hanno partecipato presso Villa Pendice a Bordighera ad un incontro al quale erano presenti rappresentanti dei gruppi Peer dell’imperiese e del Piemonte.
Questa è stata però oltre che l’occasione di una sicura crescita in qualità di Peer Educator, anche un momento di riflessione: qui infatti ci siamo resi conto che a causa di impegni sia personali che scolastici il numero dei ragazzi disponibili a continuare questa esperienza si era ridotto tanto da non essere più in grado di portare a termine ciò che si era progettato in primavera, costringendoci ad attuare notevoli cambiamenti al nostro programma originario.
Tenendo quindi sempre conto delle esigenze dei nostri coetanei abbiamo individuato due tematiche fondamentali, il tabagismo e la sessualità, intorno alle quali far vertere il nostro impegno.
Abbiamo poi scelto di rivolgere i nostri interventi ai ragazzi del biennio.
Per quanto riguarda il tabagismo, sono state coinvolte le classi prime, poichè abbiamo notato che troppo spesso il fumo viene visto come un modo per integrarsi più facilmente nel nuovo contesto scolastico. Quindi,dopo aver approfondito le nostre conoscenze con l’aiuto della dott.sa Parodi, ci siamo recati a coppie nelle classi in qualità di Peer Educator integrando i nostri interventi, basati su un brain storming iniziale e le conseguenti riflessioni, con video e slide allo scopo di informare e rendere consapevoli i ragazzi sui rischi e i danni del fumo.
Abbiamo deciso di accompagnare e affiancare la dott.sa Rizzo negli incontri sull’affettività e sessualità nelle classi seconde, ritenendo che la nostra presenza potesse facilitare la conversazione su un argomento tanto delicato.
Un brain storming sull’affettività e la successiva analisi delle emozioni e dei sentimenti che muovono la nostra persona hanno fatto da introduzione alla parte puramente medica e sanitaria dell’intervento, durante la quale si è data risposta alle curiosità e alle domande scaturite dopo la correzione di un apposito test.
Il gruppo Peer, forte dell’aggiunta di nuovi elementi che come noi hanno creduto negli ideali della Peer Education, vorrebbe proporre alle classi prime e seconde un questionario creato al fine di verificare quanto i nostri interventi siano stati apprezzati e quali future modifiche sia necessario apportartarvi. Abbiamo inoltre intenzione di chiedere a tutti gli alunni quali siano le tematiche di maggior interesse, così da poter continuare nel miglior modo possibile il nostro servizio all’interno della scuola, non soltanto grazie all’aiuto dei Peer Junior che stanno ora affrontando il loro percorso di formazione, ma anche grazie ai suggerimenti e alle proposte di tutti i nostri compagni.
Certi della collaborazione di tutti, porgiamo i più cordiali saluti.”

Il gruppo Peer

Articoli più nuovi »