Autore: ATorre

~ 11/03/11

Ogni tanto ci piace fare un po’ di conti sul “movimento” Peer Education in provincia.

Ad oggi, come già saprete se seguite il nostro blog, grazie al progetto Interreg Alcotra della ASL 1 Imperiese iniziato nell’anno 2010, abbiamo gruppi in tutta la Provincia: nell’Istituto Ruffini ad Imperia, al Liceo Aprosio di Ventimiglia, presso il Liceo Cassini e all’Amoretti di Sanremo, ma ne stiamo formando anche sul territorio comunale di Taggia e di Ventimiglia (anzi, se siete interessati contattateci perché siamo proprio nella fase di “reclutamento”).

I numeri sono interessanti, se pensiamo che in solo un anno abbiamo incontrato più di 1000 ragazzi (400 nello scorso anno scolastico e più di 600 questo) e, tra loro, hanno deciso di diventare Peer Educator poco meno di 100.

Potete capire la ricaduta di questo progetto se pensate che, da settembre 2010 una cinquantina di peer almeno, debitamente formati, preparati e “supervisionati”, stanno andando in moltissime classi dei loro Istituti a discutere con i coetanei ad esempio, di tabagismo, stili di vita, affettività…

Ci poi piace pensare che questi ragazzi non solo facciano gli “educatori tra pari” mentre sono nelle classi e nelle loro scuole, ma anzi stiano condizionando in maniera positiva anche gli atteggiamenti dei loro amici al di fuori del contesto formale scolastico, e questa è, secondo noi, la vera forza della Peer Education.

tag per questo articolo: , ,

Autore: ATorre

~ 20/12/10

Mercoledì 1 dicembre, lunedì 13 dicembre e mercoledì 15 dicembre 2010: sono le tre date in cui i ragazzi del gruppo di Peer Education del Liceo Aprosio di Ventimiglia, interverranno per due ore all’interno delle classi prime del loro Istiuto per parlare con i loro coetanei del tema del tabagismo.
Questi “Educatori tra pari”, tutti ragazzi che l’anno scorso frequentavano le classi terze, si sono formati con l’aiuto degli psicologi della Asl 1 imperiese all’interno del progetto Interreg-Alcotra “Peer Education”.
I ragazzi si sono preparati rispetto alla gestione del gruppo classe, alle dinamiche di gruppo ed hanno preparato, con l’ausilio di esperti del Centro Antifumo della nostra ASL, un intervento interessante e divertente con il quale affrontare tale tema con i loro pari. L’idea di un intervento sulla dipendenza dalla sigaretta è nato proprio dal gruppo di peer educators in quanto si sono resi conto di come molti ragazzi di prima iniziano a fumare seguendo l’esempio di compagni più grandi di cui subiscono il “fascino” durante i primi mesi di scuola superiore. La Peer Education mira proprio ad utilizzare tale naturale tendenza creando però dei modelli positivi di riferimento.

Durante tutto l’anno scolastico inoltre, i peer educator dell’Aprosio, a coppie, accompagneranno l’educatrice professionale della ASL 1 Alba Rizzo durante i suoi interventi sulla SESSUALITA’ed AFFETTIVITA’ nelle classi seconde dell’Istituto. Tale tematica, che la Rizzo da anni affronta nelle scuole della provincia, è facilitata dall’intervento dei peer che favoriscono una comunicazione ulteriormente efficace tra esperto adulto e giovani.

tag per questo articolo: , ,
« Articoli più vecchi