Autore: ATorre

~ 11/04/12

Nelle passate settimane (fine marzo 2012) i Peer Educators del Liceo Statale Aprosio di Ventimiglia hanno organizzato e condotto tre giornate di corso full immersion con l’obiettivo di reclutare e formare nuovi Peer per il gruppo della loro scuola, a cui man mano lasciare il testimone e l’organizzazione di interventi di educazione tra pari. Le attività proposte ai ragazzi delle II e III hanno permesso di trattare le tematiche della rappresentanza, delle regole per il buon funzionamento di un gruppo, delle abilità di cooperazione e negoziazione e del ruolo dell’educatore tra pari nel proprio ambiente di scolastico ma anche extra-scolastico.

Al termine degli incontri i partecipanti hanno stilato e firmato una carta d’identità con tutte le caratteristiche e i requisiti del buon Peer Educator, che sarà affissa nella bacheca del Liceo.

Complimenti agli organizzatori delle giornate: Lisa, Jessica, Ettore, Simone P., Daniele, Riccardo, Simone M. e Lorenzo.

Autore: ATorre

~ 05/03/12

Oggi, 5 marzo 2012, il gruppo Peer del Liceo Aprosio ha dato inizio a una serie di incontri di educazione sessuale, che saranno proposti a tutte le classi seconde dell’Istituto, in collaborazione con l’esperta del settore educazione alla salute della nostra ASL 1 Imperiese, la dottoressa Alba Rizzo.

Jessica e Riccardo sono stati i primi due Peer Educator a cimentarsi con questo nuovo intervento, pianificato ed elaborato durante i mesi passati insieme all’equipe di psicologi dei progetti Peer Education e Guadagnare Salute in Adolescenza (dott.ri Magaglio Martina, Parodi Roberta, Martini Francesca e Torre Alberto), al medico infettivologo dottor Ferrea, all’esperta della comunicazione dottoressa Maglio e alla dottoressa Rizzo, del settore di educazione alla salute.

La presenza dei Peer ha consentito agli alunni delle seconde di trattare con maggiore serenità e libertà una tematica così intima come quella della sessualità, incentivando in loro una maggiore consapevolezza dei rischi e dei comportamenti efficaci per la tutela della propria salute.

Nelle settimane future altri componenti del gruppo Peer (Lisa e Daniele, Ettore e Simone) proporranno l’intervento di formazione da loro pensato in tutte le seconde della scuola.

Autore: ATorre

~ 18/01/12

Sabato 14 gennaio le porte del Liceo Aprosio di Ventimiglia si sono aperte per i ragazzi delle classi terze medie della zona, interessati a conoscere la realtà dell’Istituto, in vista della loro futura scelta scolastica.

All’inizio e durante l’intera giornata, i ragazzi sono stati accolti dal gruppo di Peer Educators, che ha offerto loro momenti di conoscenza degli spazi e delle caratteristiche dell’Istituto, ma soprattutto è stata utile la condivisione di esperienze di vita scolastica da parte di chi è ormai veterano del Liceo.

Da un lato i professori hanno fornito a genitori e famiglie indicazioni fondamentali sull’offerta formativa della scuola e sulle caratteristiche essenziali della didattica, dall’altro i Peer hanno presentato contenuti altrettanto fondamentali sulla vita quotidiana e sulla realtà dell’Istituto.

Il risultato è stato quello di una giornata ricca di stimoli, informazioni, divertimento ed impegno da parte di tutte le persone coinvolte.

Autore: ATorre

~ 18/10/11

Con l’inizio dell’anno scolastico riprendono anche gli incontri dei gruppi di Educatori tra Pari negli Istituti che partecipano al progetto. Parliamo di quei gruppi che, formatisi l’anno scolastico passato, devono ora definire e mettere in atto gli interventi di promozione della salute da condividere con i loro coetanei e compagni di scuola.

Vediamo nel dettaglio gli argomenti e le tematiche che hanno scelto i ragazzi e riguardo ai quali efettueranno degli interventi in ottica peer:

I ragazzi dell’Istituto Ruffini di Imperia hanno già fatto qualcosa, il primo giorno di scuola i  Peer, affiancando i ragazzi dell’Accoglienza, hanno dato il benvenuto alle nuove classi Prime al Palazzetto dello Sport di Imperia. Proponendo ad ogni classe alcuni giochi di presentazione, hanno cercato di far conoscere tra loro i nuovi compagni di classe in maniera più disinvolta e facile. Lo stesso gruppo sta ora realizzando un collage video con alcune interviste realizzate questa estate fuori da alcune discoteche. L’obiettivo è quello di utilizzarlo per ragionare con i coetanei riguardo l’utilizzo di alcol nei giovani ed il suo abuso.

I ragazzi del gruppo peer del Liceo Cassini di Sanremo si è focalizzato su degli interventi di promozione della salute riguardanti soprattuto l’area della sessualità ed affettività. In particolare lavorerà sul tema delle malattie a trasmissione sessuale. Non solo, l’anno passato si era pensato di lavorare anche sul tema della rappresentanza, ed in particolare riguardo al ruolo di rappresentante di classe. Staremo a vedere se ci sarà sufficiente tempo per fare tutto.

Il gruppo peer del Liceo Aprosio di Ventimiglia sta in questi giorni valutando i risultati e le indicazioni ottenute da un questionario che ha proposto ai propri compagni di scuola. Probabilmente gli interventi riguarderanno, come l’anno passato., il tabagismo, tematica affrontata soprattutto nelle classi prime, e la sessualità ed affettività, con le classi seconde. Visto il successo dell’anno passato tutto fa pensare infatti ad una replica di questi interventi.

Vi terremo informati sugli sviluppi futuri  dei progetti dei Peer!

tag per questo articolo:

Autore: ATorre

~ 06/09/11

Si terrà dal 17 al 21 di Settembre 2011 ad Alba (CN) la tanto attesa Summer School che vedrà impegnati i ragazzi “peer” della Provincia di Imperia e di Alba, Bra, Nizza (FRA), Verbania e Lugano (CH).

Ecco qua sotto alcuni dati della manifestazione, a cui parteciperanno una ventina di ragazzi provenienti dai gruppi di Educatori tra Pari del Liceo Aprosio di Ventimiglia, Licei Cassini ed Amoretti di Sanremo e dell’Istituto Ruffini di Imperia formati durante gli ultimi due anni scolastici dalla equipe della S.C. di Psicologia della ASL 1 Imperiese mediante l’utilizzo di finanziamenti europei (Interreg-Alcotra).

- SLOGAN
WEB & PEER
Partecipazione ed essere Giovani
per un futuro da protagonisti

– OBIETTIVO
Relazione tra adolescenza e peer education
I giovani protagonisti, elaborazione di: proposte/presentazioni/progetti/idee

TEMI su cui si confronteranno i ragazzi:

  • Lavoro/Futuro
  • Cittadinanza/Partecipazione/Diritti
  • Salute/Stili di vita
  • Stili di vita/Divertimento/Consumo
  • Comunicazione

L’obiettivo è appunto l’elaborazione di proposte e la realizzazione di prodotti grafici, video e teatrali, frutto di questi atelier di approfondimento, da presentare agli altri giovani della città e agli adulti.

E’ stato inoltre organizzato un Convegno Nazionale (martedì 20/09/2011) – in ambito peer education – aperto anche alla cittadinanza locale, dove all’interno di una Tavola Rotonda i Peer Educator potranno confrontarsi con alcune figure significative del mondo adulto ed Autorità locali e nazionali. In questa situazione potranno presentare e discutere le proposte elaborate durante i giorni precedenti.

- EVENTI COLLATERALI
Per le serate: sono previsti, per i ragazzi, l’organizzazione di un grande gioco, djcontest e spettacoli teatrali.

Nell’ambito del suddetto convegno si svolgerà anche la presentazione del bando relativo alla IV edizione del Premio Nazionale Tiziano Terzani per l’Umanizzazione della Medicina. Ulteriori informazioni relative all’evento e alle modalità di partecipazione saranno consultabili da metà settembre sul sito www.premioterzani.it.

Nella foto (cliccabile ed ingrandibile) un articolo locale dedicato all’evento.

Autore: ATorre

~ 29/08/11

Ecco una anteprima del video realizzato durante l’estate 2011, in cui i Peer Educators di alcuni degli Istituti scolastici che partecipano al progetto della nostra ASL 1 nella provincia di Imperia, ci raccontano cosa vuol dire per loro fare Educazione tra Pari e quali interventi portano avanti nelle loro scuole. Il video è stato caricato in versione ristretta per poter rientrare nei parametri che impone questo blog, ne esiste ovviamente un versione più facilmente visibile… 

La parola ai Peers…  

tag per questo articolo: , , , ,

Autore: ATorre

~ 24/06/11

L’anno scolastico è appena terminato ed i Peer Educators dei vari gruppi delle scuole della provincia hanno più o meno definito gli argomenti e le tematiche su cui “lavoreranno” quest’estate ma soprattutto il prossimo anno scolastico. Loro intenzione è quella di attuare interventi di prevenzione per i propri coetanei o comunque migliorare il loro ambiente scolastico.

I ragazzi del gruppo dell’Istituto Ruffini di Imperia proprio questa sera (venerdì 24 giugno) organizzeranno delle interviste fuori dai locali della “movida” imperiese, un po’ come quelle che fanno le Iene di Italia1, al fine di creare un video-documentario che proporranno ai loro compagni di scuola per attivare la dicussione sulle condotte di abuso di alcool nei giovani.

Il gruppo del Liceo Aprosio di Ventimiglia sta, in questi primi giorni di vacanze, valutando i risultati di un questionario da loro ideato, che hanno somministrato a tutti i coetanei del loro Istituto. L’obiettivo dei Peer è quello di definire, tra varie tematiche che vorrebbero affrontare, quella ritenuta più interessante dalla maggior parte dei loro compagni di scuola.

Il gruppo del Liceo Cassini di Sanremo ha focalizzato i propri obiettivi rispetto a due argomenti: il tema della rappresentanza e quello della prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale. L’idea, rispetto al primo argomento, sarebbe quella di proporre una “formazione al ruolo” ai prossimi rappresentanti di classe, che li renda più consapevoli ed efficaci. Rispetto al secondo tema, invece, sarà probabilmente ideato un intervento, con l’ausilio di esperti, da proporre classe per classe durante l’anno scolastico.

Il gruppo del Liceo Amoretti di Sanremo sarà concentrato, almeno inizialmente, a reclutare nuove leve per il proprio gruppo peer e a decidere se riproporre il tema della gestione dell’ansia scolastica o se cambiare proprio argomento.

Il gruppo informale “LiberaMente” del Comune di Taggia si sta incontrando con l’idea di organizzare, verso la fine di luglio nel Comune di Riva Ligure, delle piccole rappresentazioni teatrali in memoria di una persona molto speciale che viveva proprio a Riva e che ha lasciato un libro di poesie e piccoli racconti. A latere di queste rappresentazioni saranno probabilmente raccolte, mediante riprese video, testimonianze volontarie delle persone del luogo che raccontino fatti ed accadimenti da loro vissuti in passato, l’intento è quello di creare una sorta di “banca video della memoria” che riguardi appunto il territorio nel quale vivono.

Autore: ATorre

~ 14/06/11

In questo ultimo periodo l’equipe di psicologi della Peer Education della Struttura Complessa di Psicologia della nostra ASL 1 Imperiese, diretta dal dr. Ravera, ha somministrato all’interno di vari Istituti della Provincia un questionario rivolto alla misurazione della cosidettà Alterità nei giovani.

Si tratta di un questionario, ideato dal suddetto gruppo di lavoro, che ha lo scopo di comprendere in che modo l’interesse dei ragazzi si attivi rispetto a stimoli che riguardano il loro quotidiano e la loro stretta sfera personale, piuttosto che rispetto ad eventi più lontani da loro da un punto di vista sociale e culturale.

Lo strumento è stato inoltre creato con l’intento di ottenere una “fotografia” delle abitudini e degli interessi dei giovani della nostra provincia, ed è stato somministrato a circa 350 ragazzi delle prime e delle quinte superiori di Licei ed Istituti tecnici e professionali di  Imperia, Arma di Taggia, Sanremo e Ventimiglia (IIS Ruffini, Liceo Cassini, IIS Colombo, Liceo Aprosio, ISSIS Fermi - Polo - Montale).

I risultati della ricerca saranno probabilmente pubblicati, su questo blog e sulle pagine istituzionali della ASL, entro settembre 2011.

Ringraziamo le scuole, gli insegnati ed i ragazzi per la preziosa collaborazione al progetto.

 

Autore: ATorre

~ 29/04/11

Vi copio qua sotto la versione integrale di una relazione scritta da una ragazza peer di Ventimiglia, a nome di tutto il suo gruppo, sulla esperienza di Peer Education fatta nel suo istituto, il Liceo Aprosio. Non aggiungo altro perchè dice tutto lei, e lo dice anche molto bene…

“La Peer Education è un metodo particolarmente utilizzato sia nella promozione della salute che a livello educativo, attraverso il quale un gruppo di ragazzi opera attivamente per informare ed influenzare i propri pari.
Il gruppo Peer del Liceo Aprosio, del quale noi facciamo parte, è frutto di un progetto Alcotra dell’Unione Europea condotto dall’ASL 1 imperiese in collaborazione con il nostro Istituto, che vede come docente responsabile il prof. Giovanni Perotto.
Nasciamo come gruppo nel Marzo 2010 quando, dopo un paio di incontri, di informazione e reclutamento nelle classi terze, i ragazzi maggiormente interessati si sono trovati ad affrontare un percorso di formazione guidati dal dott. Torre, dalla dott.sa Parodi e dalla dott.sa Martini.
Tre giornate completamente dedicate alle dinamiche di gruppo, grazie alla visione di filmati, giochi propedeutici e riflessioni personali e collettive, ci hanno insegnato l’importanza e la forza del rispetto, del confronto e dello spirito di squadra.
In Aprile, poi, alcuni di noi hanno avuto l’opportunità di vivere in prima persona un’esperienza davvero indimenticabile basata proprio sui principi della Peer Education: grazie ad un progetto Interreg chiamato, infatti, Giovani x les Jeunes, ragazzi italiani, svizzeri e francesi hanno organizzato, durante un soggiorno a Verbania, cortometraggi, spettacoli, campagne informative, per sensibilizzare i loro coetanei nei confronti di tematiche quali la prevenzione, la promozione della salute, la cittadinanza attiva.
Coloro che hanno potuto partecipare a questo evento hanno poi trasportato all’interno del gruppo non solo la propria esperienza ma anche un entusiasmo notevolmente cresciuto che ha coinvolto di conseguenza tutti quanti.
Questo, accompagnato poi da un’attenta analisi oltre che dei nostri bisogni anche di quelli dei nostri pari, ha portato all’elaborazione di un progetto davvero ambizioso: l’organizzazione di giornate alternative gestite dal nostro gruppo su argomenti che, tramite un questionario, gli alunni della scuola hanno valutato come utili e/o interessanti.
Dopo le vacanze estive, a settembre, alcuni di noi hanno partecipato presso Villa Pendice a Bordighera ad un incontro al quale erano presenti rappresentanti dei gruppi Peer dell’imperiese e del Piemonte.
Questa è stata però oltre che l’occasione di una sicura crescita in qualità di Peer Educator, anche un momento di riflessione: qui infatti ci siamo resi conto che a causa di impegni sia personali che scolastici il numero dei ragazzi disponibili a continuare questa esperienza si era ridotto tanto da non essere più in grado di portare a termine ciò che si era progettato in primavera, costringendoci ad attuare notevoli cambiamenti al nostro programma originario.
Tenendo quindi sempre conto delle esigenze dei nostri coetanei abbiamo individuato due tematiche fondamentali, il tabagismo e la sessualità, intorno alle quali far vertere il nostro impegno.
Abbiamo poi scelto di rivolgere i nostri interventi ai ragazzi del biennio.
Per quanto riguarda il tabagismo, sono state coinvolte le classi prime, poichè abbiamo notato che troppo spesso il fumo viene visto come un modo per integrarsi più facilmente nel nuovo contesto scolastico. Quindi,dopo aver approfondito le nostre conoscenze con l’aiuto della dott.sa Parodi, ci siamo recati a coppie nelle classi in qualità di Peer Educator integrando i nostri interventi, basati su un brain storming iniziale e le conseguenti riflessioni, con video e slide allo scopo di informare e rendere consapevoli i ragazzi sui rischi e i danni del fumo.
Abbiamo deciso di accompagnare e affiancare la dott.sa Rizzo negli incontri sull’affettività e sessualità nelle classi seconde, ritenendo che la nostra presenza potesse facilitare la conversazione su un argomento tanto delicato.
Un brain storming sull’affettività e la successiva analisi delle emozioni e dei sentimenti che muovono la nostra persona hanno fatto da introduzione alla parte puramente medica e sanitaria dell’intervento, durante la quale si è data risposta alle curiosità e alle domande scaturite dopo la correzione di un apposito test.
Il gruppo Peer, forte dell’aggiunta di nuovi elementi che come noi hanno creduto negli ideali della Peer Education, vorrebbe proporre alle classi prime e seconde un questionario creato al fine di verificare quanto i nostri interventi siano stati apprezzati e quali future modifiche sia necessario apportartarvi. Abbiamo inoltre intenzione di chiedere a tutti gli alunni quali siano le tematiche di maggior interesse, così da poter continuare nel miglior modo possibile il nostro servizio all’interno della scuola, non soltanto grazie all’aiuto dei Peer Junior che stanno ora affrontando il loro percorso di formazione, ma anche grazie ai suggerimenti e alle proposte di tutti i nostri compagni.
Certi della collaborazione di tutti, porgiamo i più cordiali saluti.”

Il gruppo Peer

Autore: ATorre

~ 15/04/11

Si tratta di un momento di vero fermento per i gruppi, vecchi e nuovi, di Educatori tra Pari sparsi nella nostra provincia di Imperia e seguiti dalla equipe della nostra ASL 1 Imperiese.

E’ infatti il periodo dell’anno in cui terminano gli interventi progettati l’anno passato e si progettano le prossime azioni da svolgere nelle scuole e sul territorio.

Vediamo alcuni gruppi a che punto sono:

Al Liceo Amoretti di Sanremo hanno concluso gli interventi di accoglienza delle classi prime. Inoltre stanno ultimando gli incontri nella classi quinte sul tema della gestione dell’ansia d’esame.

Il Liceo Cassini di Sanremo ha deciso che lavorerà sul tema della Affettività e Sessualità, ma anche sulla Rappresentanza, si sono resi conto infatti di come sia importante (e difficile) il ruolo di rappresentante degli studenti e come la popolazione studentesca spesso non sia consapevole di quanto un tale strumento sia importante per i propri diritti. Hanno deciso quindi di analizzare più a fondo questo problema ed eventualmente proporre soluzioni adeguate ed efficaci in merito.

Al Liceo Aprosio di Ventimiglia sono terminati gli incontri sul tema del Tabagismo che i ragazzi peer hanno proposto in tutte le classi prime dell’istituto. Questi ragazzi hanno anche accompagnato l’Educatrice professionale della nostra ASL Alba Rizzo, nei suoi interventi con le classi seconde sul tema della Affettività e Sessualità. Oggi stanno pensando di proporre in queste classi un questionario che gli offra un feedback rispetto a quanto proposto ma stanno anche pensando a cosa fare per l’anno prossimo. Potrebbero seguire lo stesso progetto ed integrarlo, come i colleghi di Sanremo, con un approfondimento sul tema della Rappresentanza di Istituto e l’importanza del voto consapevole.

Presso l’Istituto Ruffini di Imperia i ragazzi stanno ultimando gli interventi nelle classi prime che erano iniziati con l’accoglienza durante il primo giorno di scuola, e sono proseguiti quasi in forma di tutoring classe per classe durante tutto l’anno scolastico. Per quanto riguarda il progetto di quest’anno l’idea è quello di creare un video-spot che riguardi gli stili di vita e l’uso/abuso di alcool da parte dei ragazzi.

Il “neonato” Gruppo Informale di Taggia, battezzatosi Libera-Mente, si sta impegnando per l’organizzazione di un aperitivo musicale che probabilmente si terrà il 7 di maggio presso il CAG di Taggia (ex Caserme Revelli) verso le 18.00, denominato MUSIC FOR PEACE. Il proposito è quello di raccogliere beni alimentari per il SOLIDABUS di Genova, chiedendo ai partecipanti di offrire all’ingresso un bene alimentare a scelta (scatolame, riso, pasta, ecc.)

Il movimento peer, a quanto pare, si sta dando molto da fare. Vi terremo aggiornati e intanto complimenti a tutti i ragazzi!!!



Articoli più nuovi »