Autore: ATorre

~ 06/09/11

Si terrà dal 17 al 21 di Settembre 2011 ad Alba (CN) la tanto attesa Summer School che vedrà impegnati i ragazzi “peer” della Provincia di Imperia e di Alba, Bra, Nizza (FRA), Verbania e Lugano (CH).

Ecco qua sotto alcuni dati della manifestazione, a cui parteciperanno una ventina di ragazzi provenienti dai gruppi di Educatori tra Pari del Liceo Aprosio di Ventimiglia, Licei Cassini ed Amoretti di Sanremo e dell’Istituto Ruffini di Imperia formati durante gli ultimi due anni scolastici dalla equipe della S.C. di Psicologia della ASL 1 Imperiese mediante l’utilizzo di finanziamenti europei (Interreg-Alcotra).

- SLOGAN
WEB & PEER
Partecipazione ed essere Giovani
per un futuro da protagonisti

– OBIETTIVO
Relazione tra adolescenza e peer education
I giovani protagonisti, elaborazione di: proposte/presentazioni/progetti/idee

TEMI su cui si confronteranno i ragazzi:

  • Lavoro/Futuro
  • Cittadinanza/Partecipazione/Diritti
  • Salute/Stili di vita
  • Stili di vita/Divertimento/Consumo
  • Comunicazione

L’obiettivo è appunto l’elaborazione di proposte e la realizzazione di prodotti grafici, video e teatrali, frutto di questi atelier di approfondimento, da presentare agli altri giovani della città e agli adulti.

E’ stato inoltre organizzato un Convegno Nazionale (martedì 20/09/2011) – in ambito peer education – aperto anche alla cittadinanza locale, dove all’interno di una Tavola Rotonda i Peer Educator potranno confrontarsi con alcune figure significative del mondo adulto ed Autorità locali e nazionali. In questa situazione potranno presentare e discutere le proposte elaborate durante i giorni precedenti.

- EVENTI COLLATERALI
Per le serate: sono previsti, per i ragazzi, l’organizzazione di un grande gioco, djcontest e spettacoli teatrali.

Nell’ambito del suddetto convegno si svolgerà anche la presentazione del bando relativo alla IV edizione del Premio Nazionale Tiziano Terzani per l’Umanizzazione della Medicina. Ulteriori informazioni relative all’evento e alle modalità di partecipazione saranno consultabili da metà settembre sul sito www.premioterzani.it.

Nella foto (cliccabile ed ingrandibile) un articolo locale dedicato all’evento.

Autore: ATorre

~ 24/06/11

L’anno scolastico è appena terminato ed i Peer Educators dei vari gruppi delle scuole della provincia hanno più o meno definito gli argomenti e le tematiche su cui “lavoreranno” quest’estate ma soprattutto il prossimo anno scolastico. Loro intenzione è quella di attuare interventi di prevenzione per i propri coetanei o comunque migliorare il loro ambiente scolastico.

I ragazzi del gruppo dell’Istituto Ruffini di Imperia proprio questa sera (venerdì 24 giugno) organizzeranno delle interviste fuori dai locali della “movida” imperiese, un po’ come quelle che fanno le Iene di Italia1, al fine di creare un video-documentario che proporranno ai loro compagni di scuola per attivare la dicussione sulle condotte di abuso di alcool nei giovani.

Il gruppo del Liceo Aprosio di Ventimiglia sta, in questi primi giorni di vacanze, valutando i risultati di un questionario da loro ideato, che hanno somministrato a tutti i coetanei del loro Istituto. L’obiettivo dei Peer è quello di definire, tra varie tematiche che vorrebbero affrontare, quella ritenuta più interessante dalla maggior parte dei loro compagni di scuola.

Il gruppo del Liceo Cassini di Sanremo ha focalizzato i propri obiettivi rispetto a due argomenti: il tema della rappresentanza e quello della prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale. L’idea, rispetto al primo argomento, sarebbe quella di proporre una “formazione al ruolo” ai prossimi rappresentanti di classe, che li renda più consapevoli ed efficaci. Rispetto al secondo tema, invece, sarà probabilmente ideato un intervento, con l’ausilio di esperti, da proporre classe per classe durante l’anno scolastico.

Il gruppo del Liceo Amoretti di Sanremo sarà concentrato, almeno inizialmente, a reclutare nuove leve per il proprio gruppo peer e a decidere se riproporre il tema della gestione dell’ansia scolastica o se cambiare proprio argomento.

Il gruppo informale “LiberaMente” del Comune di Taggia si sta incontrando con l’idea di organizzare, verso la fine di luglio nel Comune di Riva Ligure, delle piccole rappresentazioni teatrali in memoria di una persona molto speciale che viveva proprio a Riva e che ha lasciato un libro di poesie e piccoli racconti. A latere di queste rappresentazioni saranno probabilmente raccolte, mediante riprese video, testimonianze volontarie delle persone del luogo che raccontino fatti ed accadimenti da loro vissuti in passato, l’intento è quello di creare una sorta di “banca video della memoria” che riguardi appunto il territorio nel quale vivono.

Autore: ATorre

~ 14/06/11

In questo ultimo periodo l’equipe di psicologi della Peer Education della Struttura Complessa di Psicologia della nostra ASL 1 Imperiese, diretta dal dr. Ravera, ha somministrato all’interno di vari Istituti della Provincia un questionario rivolto alla misurazione della cosidettà Alterità nei giovani.

Si tratta di un questionario, ideato dal suddetto gruppo di lavoro, che ha lo scopo di comprendere in che modo l’interesse dei ragazzi si attivi rispetto a stimoli che riguardano il loro quotidiano e la loro stretta sfera personale, piuttosto che rispetto ad eventi più lontani da loro da un punto di vista sociale e culturale.

Lo strumento è stato inoltre creato con l’intento di ottenere una “fotografia” delle abitudini e degli interessi dei giovani della nostra provincia, ed è stato somministrato a circa 350 ragazzi delle prime e delle quinte superiori di Licei ed Istituti tecnici e professionali di  Imperia, Arma di Taggia, Sanremo e Ventimiglia (IIS Ruffini, Liceo Cassini, IIS Colombo, Liceo Aprosio, ISSIS Fermi - Polo - Montale).

I risultati della ricerca saranno probabilmente pubblicati, su questo blog e sulle pagine istituzionali della ASL, entro settembre 2011.

Ringraziamo le scuole, gli insegnati ed i ragazzi per la preziosa collaborazione al progetto.

 

Autore: ATorre

~ 31/05/11

PROGETTO PEER EDUCATION – LICEO AMORETTI SANREMO
Anno 2009/2010-2010/2011
 
Il nostro obiettivo è stato quello di  promuovere l’educazione tra pari, mediante il confronto diretto, la libera espressione di pensieri e riflessioni.

In questo primo anno gli psicologi della ASL 1 hanno provveduto alla nostra formazione come Peer Educator durante più incontri pomeridiani, durante i quali abbiamo anche messo a punto un questionario, poi sottoposto all’intero Istituto. Il fine di questo sondaggio era quello di capire e focalizzare le problematiche ed i bisogni dei ragazzi, per poi promuovere un progetto ed interventi costruttivi.
 
All’inizio dell’anno scolastico 2010/2011, abbiamo partecipato al meeting dui due giorni presso Villa Pendice a Bordighera, a cui hanno aderito altre scuole, francesi e piemontesi, anch’esse aderenti al progetto Peer. In questa occasione abbiamo definito il progetto, già organizzato l’anno precedente, riguardante le classi prime e quinte; queste classi nel questionario avevano espresso la necessità di uno spazio volto alla libera discussione ed una difficoltà a gestire ansie e paure scolastiche, provocate soprattutto dall’esame di maturità o dall’arrivo in una nuova scuola per i ragazzi di prima.
Il nostro progetto è stato quindi suddiviso in tre incontri per classe, di circa due ore ciascuno, finalizzati, attraverso lo svolgimento di giochi collettivi, a conoscerci meglio e a far riflettere sull‘importanza dei ruoli e delle relazioni nei contesti sociali, a rafforzare il lavoro di gruppo e lo sviluppo della solidarietà.
Noi Peer siamo rimasti piacevolemnte sorpresi dal coinvolgimento, dall’impegno e dall’applicazione dei ragazzi.
Il nostro intento è anche quello di indirizzare ed attirare i nuovi alunni di prima a partecipare in futuro al Progetto Peer, in quanto riteniamo sia un’esperienza di applicazione pratica di alcuni argomenti studiati in classe, strettamente correlato alla psicologia ed alle scienze sociali.

 

tag per questo articolo:

Autore: ATorre

~ 23/05/11

Durante le ultime settimane le ”Peer” del Liceo Amoretti di Sanremo hanno svolto una serie di interventi nelle classi quinte e prime del loro Istituto.

Le ragazze hanno proposto alle loro colleghe delle quinte di simulare, tramite role-playing, l’orale dell’Esame di Stato, che presto dovranno affrontare. A turno gli hanno fatto interpretare il ruolo dei professori che compongono la Commissione e quindi quello di esaminate, sostenendo delle vere e proprie interrogazioni. Tale intervento è stato da loro studiato e realizzato per affrontare, anche se solo in maniera simulata, in anticipo l’esame di maturità, ed esorcizzare così la tensione e l’ansia ad esso connessa. E’ infatti risaputo, come l’esposizione allo stimolo ansiogen0 sia un fattore determinante nel diminuire la tensione.

Inoltre, nelle classi prime le nostre Peer Educators hanno svolto il penultimo incontro di socializzazione ed integrazione all’interno del loro progetto di accoglienza, che stanno portando avanti dall’ inizio dell’ anno.

Sono già stati calendarizzati gli ultimi incontri finalizzati alla chiusura degli interventi ed alla raccolta di un riscontro da parte dei ragazzi che hanno ricevuto questi interventi di Peer Education. 

tag per questo articolo:

Autore: ATorre

~ 15/04/11

Si tratta di un momento di vero fermento per i gruppi, vecchi e nuovi, di Educatori tra Pari sparsi nella nostra provincia di Imperia e seguiti dalla equipe della nostra ASL 1 Imperiese.

E’ infatti il periodo dell’anno in cui terminano gli interventi progettati l’anno passato e si progettano le prossime azioni da svolgere nelle scuole e sul territorio.

Vediamo alcuni gruppi a che punto sono:

Al Liceo Amoretti di Sanremo hanno concluso gli interventi di accoglienza delle classi prime. Inoltre stanno ultimando gli incontri nella classi quinte sul tema della gestione dell’ansia d’esame.

Il Liceo Cassini di Sanremo ha deciso che lavorerà sul tema della Affettività e Sessualità, ma anche sulla Rappresentanza, si sono resi conto infatti di come sia importante (e difficile) il ruolo di rappresentante degli studenti e come la popolazione studentesca spesso non sia consapevole di quanto un tale strumento sia importante per i propri diritti. Hanno deciso quindi di analizzare più a fondo questo problema ed eventualmente proporre soluzioni adeguate ed efficaci in merito.

Al Liceo Aprosio di Ventimiglia sono terminati gli incontri sul tema del Tabagismo che i ragazzi peer hanno proposto in tutte le classi prime dell’istituto. Questi ragazzi hanno anche accompagnato l’Educatrice professionale della nostra ASL Alba Rizzo, nei suoi interventi con le classi seconde sul tema della Affettività e Sessualità. Oggi stanno pensando di proporre in queste classi un questionario che gli offra un feedback rispetto a quanto proposto ma stanno anche pensando a cosa fare per l’anno prossimo. Potrebbero seguire lo stesso progetto ed integrarlo, come i colleghi di Sanremo, con un approfondimento sul tema della Rappresentanza di Istituto e l’importanza del voto consapevole.

Presso l’Istituto Ruffini di Imperia i ragazzi stanno ultimando gli interventi nelle classi prime che erano iniziati con l’accoglienza durante il primo giorno di scuola, e sono proseguiti quasi in forma di tutoring classe per classe durante tutto l’anno scolastico. Per quanto riguarda il progetto di quest’anno l’idea è quello di creare un video-spot che riguardi gli stili di vita e l’uso/abuso di alcool da parte dei ragazzi.

Il “neonato” Gruppo Informale di Taggia, battezzatosi Libera-Mente, si sta impegnando per l’organizzazione di un aperitivo musicale che probabilmente si terrà il 7 di maggio presso il CAG di Taggia (ex Caserme Revelli) verso le 18.00, denominato MUSIC FOR PEACE. Il proposito è quello di raccogliere beni alimentari per il SOLIDABUS di Genova, chiedendo ai partecipanti di offrire all’ingresso un bene alimentare a scelta (scatolame, riso, pasta, ecc.)

Il movimento peer, a quanto pare, si sta dando molto da fare. Vi terremo aggiornati e intanto complimenti a tutti i ragazzi!!!



Autore: ATorre

~ 11/03/11

Ogni tanto ci piace fare un po’ di conti sul “movimento” Peer Education in provincia.

Ad oggi, come già saprete se seguite il nostro blog, grazie al progetto Interreg Alcotra della ASL 1 Imperiese iniziato nell’anno 2010, abbiamo gruppi in tutta la Provincia: nell’Istituto Ruffini ad Imperia, al Liceo Aprosio di Ventimiglia, presso il Liceo Cassini e all’Amoretti di Sanremo, ma ne stiamo formando anche sul territorio comunale di Taggia e di Ventimiglia (anzi, se siete interessati contattateci perché siamo proprio nella fase di “reclutamento”).

I numeri sono interessanti, se pensiamo che in solo un anno abbiamo incontrato più di 1000 ragazzi (400 nello scorso anno scolastico e più di 600 questo) e, tra loro, hanno deciso di diventare Peer Educator poco meno di 100.

Potete capire la ricaduta di questo progetto se pensate che, da settembre 2010 una cinquantina di peer almeno, debitamente formati, preparati e “supervisionati”, stanno andando in moltissime classi dei loro Istituti a discutere con i coetanei ad esempio, di tabagismo, stili di vita, affettività…

Ci poi piace pensare che questi ragazzi non solo facciano gli “educatori tra pari” mentre sono nelle classi e nelle loro scuole, ma anzi stiano condizionando in maniera positiva anche gli atteggiamenti dei loro amici al di fuori del contesto formale scolastico, e questa è, secondo noi, la vera forza della Peer Education.

tag per questo articolo: , ,

Autore: ATorre

~ 25/02/11

Nei giorni appena trascorsi (16-20 Febbraio 2011) si è svolta la Winter School di Nizza, evento che ha permesso un nuovo incontro dei gruppi di PEER  EDUCATORS (Educatori tra pari) delle zone impegnate nel progetto Interreg-Alcotra con la nostra ASL1 Imperiese, ovvero  Alba-Bra, Verbania, Lugano e appunto Imperia e Nizza.

I ragazzi partecipanti sono stati più di cento, e la nostra delegazione, composta da circa 12 ragazzi, era formata da peer educators del Liceo Socio Psico Pedagogico Amoretti di Sanremo e dall’IIS Ruffini di Imperia.

Dopo le esperienze di Verbania e di Bordighera, queste giornate francesi hanno rinnovato lo spirito di confronto e di reciproca conoscenza delle realtà di PEER EDUCATION presenti sui territori francese, svizzero e italiano.

Cinque diversi atelier sono stati allestiti per consentire ai ragazzi PEER la preparazione di vari interventi presso le classi del Lycee Marie Curie di Mentone, sui temi della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, delle droghe e dipendenze, della cittadinanza attiva e degli stili di vita.

I ragazzi hanno lavorato con estremo impegno e motivazione, superando brillantemente con il sorriso le difficoltà incontrate nel parlare due lingue diverse (italiano e francese).

In queste cinque intense giornate, l’esperienza della Winter School ha sicuramente donato a tutti i partecipanti una più forte consapevolezza del vero significato del ruolo del PEER EDUCATOR, oltreché, ovviamente, un’ottima occasione per divertirsi e fare amicizia, tra le visite in Nizza vecchia, le serate teatrali, i balli tipici e le cene in ottima compagnia.

Autore: ATorre

~ 11/02/11

Pronti? Si parte… Winter School di Nizza

Da mercoledì 16 a domenica 20 febbraio 2011 una delegazione di circa 20 persone, formata dai peer educator, professori ed operatori della nostra provincia, sarà a Nizza per l’evento Winter School presso il Relais de la Jeunesse (clicca sul link)


Si tratta di 5 giorni di scambio e confronto con altri Peer Educator del progetto Interreg-Alcotra, provenienti da Nizza, Lugano, Alba-Bra e Verbania. Durante queste giornate i ragazzi formeranno gruppi misti e lavoreranno su tematiche di Educazione alla Salute e Prevezione con l’obiettivo di progettare ed effettuare (nella giornata di venerdì) un intervento nelle Scuole Superiori di Mentone.

Ecco gli obiettivi ed il programma specifico dell’evento:

Obbiettivi

- Creare gruppi interculturali formati da giovani motivati ad informarsi ed informare rispetto alla prevenzione del disagio e dei comportamenti a rischio ;

- Realizzare degli interventi, grazie al metodo dell’educazione tra i pari, per incorragiare lo svillupo di competenze psicosociali e migliorare il benessere relazionale tra adolescenti;

- Favorire la mutua comprensione tra giovani di paesi diversi ;

- Promuovere la cittadinanza attiva nei giovani in generale, nonchè la loro cittadinanza europea ;

- Confrontarsi e discutere sui progetto che stanno portando avanti nel proprio territorio.

Programma

Mercoledi

16

Giovedi

17

Venerdi

18

Sabato

19

Domenica 20
Mattino -Presentazione dei strumenti realizzati da i peer degli diversi paesi

-Preparazione degli interventi di peer previsti nei classe di liceo e di scuola media

- finalizzazione degli interventi Debriefing delle attività della giornata prima :

Proposizione di racommandazione da i peer sugli interventi realizzati

Ritorno
Pomeriggio Arrivo

Realizzazione degli interventi nei licei/Scuola media

Visita di Nizza
Sera

Accoglienza dei partecipanti

Incontro di improvisazione con una squadra francese e una squadra italiana

Opera teatrale

O per i più piccoli attività presso l’association La Semeuse

Attività al Centro

Festa conclusiva con un concerto

tag per questo articolo: , ,