Autore: ATorre

~ 24/06/11

L’anno scolastico è appena terminato ed i Peer Educators dei vari gruppi delle scuole della provincia hanno più o meno definito gli argomenti e le tematiche su cui “lavoreranno” quest’estate ma soprattutto il prossimo anno scolastico. Loro intenzione è quella di attuare interventi di prevenzione per i propri coetanei o comunque migliorare il loro ambiente scolastico.

I ragazzi del gruppo dell’Istituto Ruffini di Imperia proprio questa sera (venerdì 24 giugno) organizzeranno delle interviste fuori dai locali della “movida” imperiese, un po’ come quelle che fanno le Iene di Italia1, al fine di creare un video-documentario che proporranno ai loro compagni di scuola per attivare la dicussione sulle condotte di abuso di alcool nei giovani.

Il gruppo del Liceo Aprosio di Ventimiglia sta, in questi primi giorni di vacanze, valutando i risultati di un questionario da loro ideato, che hanno somministrato a tutti i coetanei del loro Istituto. L’obiettivo dei Peer è quello di definire, tra varie tematiche che vorrebbero affrontare, quella ritenuta più interessante dalla maggior parte dei loro compagni di scuola.

Il gruppo del Liceo Cassini di Sanremo ha focalizzato i propri obiettivi rispetto a due argomenti: il tema della rappresentanza e quello della prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale. L’idea, rispetto al primo argomento, sarebbe quella di proporre una “formazione al ruolo” ai prossimi rappresentanti di classe, che li renda più consapevoli ed efficaci. Rispetto al secondo tema, invece, sarà probabilmente ideato un intervento, con l’ausilio di esperti, da proporre classe per classe durante l’anno scolastico.

Il gruppo del Liceo Amoretti di Sanremo sarà concentrato, almeno inizialmente, a reclutare nuove leve per il proprio gruppo peer e a decidere se riproporre il tema della gestione dell’ansia scolastica o se cambiare proprio argomento.

Il gruppo informale “LiberaMente” del Comune di Taggia si sta incontrando con l’idea di organizzare, verso la fine di luglio nel Comune di Riva Ligure, delle piccole rappresentazioni teatrali in memoria di una persona molto speciale che viveva proprio a Riva e che ha lasciato un libro di poesie e piccoli racconti. A latere di queste rappresentazioni saranno probabilmente raccolte, mediante riprese video, testimonianze volontarie delle persone del luogo che raccontino fatti ed accadimenti da loro vissuti in passato, l’intento è quello di creare una sorta di “banca video della memoria” che riguardi appunto il territorio nel quale vivono.

Autore: ATorre

~ 31/05/11

PROGETTO PEER EDUCATION – LICEO AMORETTI SANREMO
Anno 2009/2010-2010/2011
 
Il nostro obiettivo è stato quello di  promuovere l’educazione tra pari, mediante il confronto diretto, la libera espressione di pensieri e riflessioni.

In questo primo anno gli psicologi della ASL 1 hanno provveduto alla nostra formazione come Peer Educator durante più incontri pomeridiani, durante i quali abbiamo anche messo a punto un questionario, poi sottoposto all’intero Istituto. Il fine di questo sondaggio era quello di capire e focalizzare le problematiche ed i bisogni dei ragazzi, per poi promuovere un progetto ed interventi costruttivi.
 
All’inizio dell’anno scolastico 2010/2011, abbiamo partecipato al meeting dui due giorni presso Villa Pendice a Bordighera, a cui hanno aderito altre scuole, francesi e piemontesi, anch’esse aderenti al progetto Peer. In questa occasione abbiamo definito il progetto, già organizzato l’anno precedente, riguardante le classi prime e quinte; queste classi nel questionario avevano espresso la necessità di uno spazio volto alla libera discussione ed una difficoltà a gestire ansie e paure scolastiche, provocate soprattutto dall’esame di maturità o dall’arrivo in una nuova scuola per i ragazzi di prima.
Il nostro progetto è stato quindi suddiviso in tre incontri per classe, di circa due ore ciascuno, finalizzati, attraverso lo svolgimento di giochi collettivi, a conoscerci meglio e a far riflettere sull‘importanza dei ruoli e delle relazioni nei contesti sociali, a rafforzare il lavoro di gruppo e lo sviluppo della solidarietà.
Noi Peer siamo rimasti piacevolemnte sorpresi dal coinvolgimento, dall’impegno e dall’applicazione dei ragazzi.
Il nostro intento è anche quello di indirizzare ed attirare i nuovi alunni di prima a partecipare in futuro al Progetto Peer, in quanto riteniamo sia un’esperienza di applicazione pratica di alcuni argomenti studiati in classe, strettamente correlato alla psicologia ed alle scienze sociali.

 

tag per questo articolo:

Autore: ATorre

~ 23/05/11

Durante le ultime settimane le ”Peer” del Liceo Amoretti di Sanremo hanno svolto una serie di interventi nelle classi quinte e prime del loro Istituto.

Le ragazze hanno proposto alle loro colleghe delle quinte di simulare, tramite role-playing, l’orale dell’Esame di Stato, che presto dovranno affrontare. A turno gli hanno fatto interpretare il ruolo dei professori che compongono la Commissione e quindi quello di esaminate, sostenendo delle vere e proprie interrogazioni. Tale intervento è stato da loro studiato e realizzato per affrontare, anche se solo in maniera simulata, in anticipo l’esame di maturità, ed esorcizzare così la tensione e l’ansia ad esso connessa. E’ infatti risaputo, come l’esposizione allo stimolo ansiogen0 sia un fattore determinante nel diminuire la tensione.

Inoltre, nelle classi prime le nostre Peer Educators hanno svolto il penultimo incontro di socializzazione ed integrazione all’interno del loro progetto di accoglienza, che stanno portando avanti dall’ inizio dell’ anno.

Sono già stati calendarizzati gli ultimi incontri finalizzati alla chiusura degli interventi ed alla raccolta di un riscontro da parte dei ragazzi che hanno ricevuto questi interventi di Peer Education. 

tag per questo articolo:

Autore: ATorre

~ 24/02/11

Il progetto di Peer Education nell’Istituto Amoretti di Sanremo è stato pensato al fine di agevolare il processo di integrazione e socializzazione all’interno delle classi prime e per aiutare i ragazzi delle classi quinte nella gestione dell’ansia da esame di stato e delle prospettive future dopo l’uscita dal liceo.
Il progetto, che prevede 3 momenti di intervento durante l’arco dell’anno sia per le prime che per le quinte, è stato progettato con l’aiuto della equipe della Peer Education della S.C. di Psicologia della ASL 1 Imperiese ed è stato poi effettuato dalle ragazze Peer in autonomia all’interno delle classi dell’Istituto.
Più specificamente le Peer leader, del Liceo Socio Psico Pedagogico, si sono proposte di lavorare con i ragazzi di prima rispetto alle dimensioni: della conoscenza reciproca, della riflessione sui ruoli all’interno dei gruppi, della comunicazione non verbale, dell’empatia e della reazione alle critiche;
mentre con i ragazzi di quinta, si sono focalizzate su: la prospettiva di sè nel futuro, l’ansia scolastica, il problem solving all’interno del gruppo, il public speaking.

Sono stati proposti giochi esperenziali su cui le Peer hanno invitato i ragazzi a riflettere per condividere emozioni e punti di vista.
Gli interventi sono stati calibrati in base alle dinamiche di gruppo emerse volta per volta in ciascuna classe.

Attualmente è già stata realizzata la prima fase nelle prime e nelle quinte, mentre la seconda attualmente solo nelle quinte.

tag per questo articolo: , ,